DURC, COSA DEVE FARE UN AMMINISTRATORE

a cura di Copernico (0 commenti)

L’obbligo degli amministratori è innanzitutto quello di verificare l’idoneità tecnico-professionale delle imprese e degli autonomi acquisendo
1) certificato di iscrizione alla Camera di commercio,
2) DURC on line e
3) autocertificazione in ordine al possesso dei requisiti indicati nell’allegato XVII al Testo unico.

L’amministrazione acquisisce direttamente il DURC e non è quindi compito del committente inviarlo insieme alla DIA. Quindi la regolarità delle imprese che eseguono i lavori deve essere verificata prima dell’inizio dei lavori perché, se chi li realizza non possiede il DURC (e dunque non è in una condizione di regolarità nei confronti di Inps, Inail e Cassa edile), il titolo abilitativo viene sospeso.

Il Comune, se non c’è regolarità contributiva, impone lo stop ai lavori. Lo stop ai lavori può far seguito anche a un accertamento ispettivo della Vigilanza da cui emerge l’assenza della regolarità contributiva per un’impresa presente in cantiere.
La Vigilanza dovrà comunicare quanto avvenuto al Comune.

Torna indietro

Aggiungi un commento